10 Opere Famosissime Dietro Alle Quali Si Nascondono Storie Sconosciute Ai Più

62

Alcune opere architettoniche e artistiche sono talmente grandiose da essere conosciute in tutto il mondo. Tuttavia, a informarsi un po’ meglio, potremmo scoprire che molte di esse nascondono veri e propri misteri: camere nascoste, amori o copie di dubbia attribuzione possono celarsi dietro questi capolavori, segreti che se scoperti modificherebbero la percezione che se ne può avere.
Di seguito sono approfonditi alcuni curiosi dettagli riguardanti dieci opere estremamente famose…

via Curioctopus

1. L’ideazione della Torre di Pisa

immagine: goranmx/ Pixabay

L’inclinazione della Torre di Pisa non è l’unico segreto di questa magnifica opera. Uno dei più grandi misteri della famosa torre riguarda la figura dietro alla sua ideazione: secondo gli storici il problema dell’attribuzione deriverebbe dai lunghissimi tempi di costruzione (circa 200 anni). Tra gli architetti “indagati” primeggiano Diotisalvi e Bonanno Pisano

2. Il cielo ne “L’urlo” di Munch

immagine: WebMuseum at ibiblio/ Wikimedia

Sapevate che il primo nome del famoso dipinto di Edvard Munch fu “L’urlo della natura”? In effetti alcuni hanno ipotizzato che il colore scarlatto del cielo del quadro dipendesse da un fenomeno naturale preciso, l’eruzione del Krakatoa del 1883, che colpì l’immaginazione dell’artista con i suoi depositi di polveri vulcaniche nell’atmosfera che resero i tramonti di buona parte del mondo oltremodo fiammeggianti per alcuni anni.

3. La camera della memoria del Monte Rushmore

immagine: MyRandomPics/ Pixabay
immagine: Rachel.miller727/ Wikimedia

L’architetto Gutzon Borglum, durante la costruzione del monumento ai Quattro Presidenti del Monte Rushmore, progettò una camera nascosta all’interno della testa di Abraham Lincoln che racchiudesse informazioni e reperti in grado di conservare la memoria degli Stati Uniti negli anni a venire. Il progetto non fu completato a causa della sua morte, ma l’incompiuta “camera della memoria” venne successivamente riempita di testimonianze riguardanti i diversi presidenti succedutisi nella storia degli USA.

4. Il “doppione” della Mona Lisa

immagine: C2RMF/ Wikimedia
immagine: The Mona Lisa Foundation/ Wikimedia

In molti hanno riprodotto la famosa Gioconda di Leonardo da Vinci, ma una di queste riproduzioni potrebbe in realtà non essere tale. Secondo alcune teorie, la “copia” potrebbe addirittura appartenere allo stesso Leonardo, ma sarebbe piuttosto una versione precedente e meno nota della Mona Lisa!

5. L’appartamento della Torre Eiffel

immagine: Brown University/ Wikimedia
immagine: Serge Melki/ Wikimedia

Tutti sanno che la famosa torre-simbolo di Parigi fu progettata da Gustave Eiffel; pochi, invece, sono a conoscenza dell’appartamento che lo stesso Eiffel fece costruire sulla cima della torre e che utilizzò per ricevere ed ospitare persone di rilievo. L’appartamento attualmente è adibito a museo, ed è composto da un soggiorno, due camere da letto, una cucina, un bagno e… panorami mozzafiato!

6. Il Big Ben

immagine: Mary_R_Smith/ Pixabay

Fino al 2012, il nome ufficiale della famosissima torre di Londra è stato “La torre campanaria del Palazzo di Westminster”. Infatti il nome con il quale essa è conosciuta in tutto il mondo, ovvero “Big Ben”, non è da riferire all’intera struttura, ma soltanto alla grande campana al suo interno. Nessuno sa con esattezza perché tale campana sia stata chiamata “Big Ben”, sebbene alcune ipotesi rimandino al proprietario della fonderia in cui la campana fu prodotta o al campione di boxe Benjamin Count.

7. Il Cervino di Disneyland

immagine: Ken Lund/ Flickr

Nel famosissimo parco Disneyland di Los Angeles esiste un’attrazione modellata sulla base del Monte Cervino! Tale attrazione è da considerarsi come la prima montagna russa in acciaio tubolare continuo, ed ospita sulla cima una struttura usata come area break in cui gli scalatori trascorrono il tempo libero o giocano a fare canestro col cestino da basket lì installato.

8. Il volto della Danae di Rembrandt

immagine: Wikimedia

Rembrandt era sposato con Saskia van Uylenburgh, donna che prestò il proprio volto a moltissime opere dell’artista. Nella “Danae“, però, il volto della moglie di Rembrandt non è nitido come nelle altre opere. Secondo gli esperti, infatti, tale quadro sarebbe stato rimaneggiato da Rembrandt dopo la morte di Saskia, e il volto della Danae sarebbe stato modificato sulla base di quello di un’altra donna, Geertje Dircx. Il risultato appare dunque come una sintesi dei volti delle due donne amate dal pittore.

9. L’aspetto originario della Sfinge

immagine: NadineDoerle/ Pixabay
immagine: lindsayascott/ Pixabay

La Grande Sfinge di Giza è la statua più antica (e probabilmente più famosa) del mondo. Erosa dal passare del tempo, la Sfinge sembrerebbe esser stata in passato adornata di corona e barba faraonica e dipinta con colori estremamente luminosi. Secondo alcuni studiosi, la forma originaria del volto della statua sarebbe stata quella di un cane o un leone e la dimensione ben più grande, mentre la testa attualmente visibile sarebbe stata scolpita soltanto in seguito (ciò spiegherebbe la disarmonia tra le dimensioni del volto e del corpo!).

10. Il colore del Golden Gate Bridge

immagine: DEZALB/ Pixabay

Il ponte che collega San Francisco con la Contea di Marin è tra i più fotografati al mondo, forse anche grazie al suo particolare colore. Durante la progettazione, la Marina americana decise di dipingerlo di nero e giallo (in modo da renderlo visibile alle navi anche nella nebbia), ma l’architetto Irving Morrow alla fine scelse l’arancione scuro, così da garantirne la visibilità in tutte le condizioni meteorologiche e da donargli uno splendido impatto visivo.