La vita contemporanea è stressante per tutti e per un genitore lo è il doppio: oggigiorno nella maggior parte dei casi sono entrambi i membri di una coppia a lavorare e capita che l’educazione del figlio ne risenta. Sarà per questo che vediamo sempre più bambini maleducati cui sembra nessuno abbia dato quelle poche semplici regole che tutti abbiamo sentito da piccoli.

Abbiamo fatto un sommario di 9 buone maniere che stanno scomparendo dall’educazione dei nostri figli.

  1. Imparare a dire “Scusa”, “Per favore”, “Con permesso”. Sono semplici frasi che si sentono molto meno ma qualificano perfettamente una persona nei contesti sociali. Insegnatene l’uso ai vostri figli sin da piccoli e saranno adulti civili.
  2. Non masticare con la bocca aperta. Sembra un’ovvietà ma è una bruttissima abitudine che poi diventa difficile da togliere. Essendo un automatismo, è bene insegnarla nei primissimi anni d’età.
  3. Non parlare a bocca piena. Per lo stesso motivo non bisogna neanche parlare con la bocca piena. Questa è una cosa che fanno anche tanti adulti e fate attenzione a non dare cattivo esempio.

4. Levarsi le scarpe in casa. Una buona norma di cui abbiamo parlato approfonditamente qui. Insegnatela ai vostri figli e, in casa d’altri, ditegli di chiedere al proprietario di casa cosa preferisce, che se le tolga o che le tenga ai piedi.

5. I gomiti a tavola. La cattiva abitudine per antonomasia, anche questa molto diffusa tra gli adulti purtroppo. Insieme ai gomiti, anche cellulari, videogiochi e giornaletti devono scomparire dalla tavola.

6. Tenere la porta. I bambini sono spesso egoisti. Non è colpa loro, sono concentrati su loro stessi per scoprire il mondo. Noi però dobbiamo trasmettergli l’importanza di considerare il prossimo e gentilezze come tenere la porta a chi entra dopo di noi in un posto sono fondamentali.

7. Tovagliolo sulle gambe. Un’altra buona condotta a tavola che si dimentica spesso. Non è un mero fatto di etichetta ma un accorgimento pratico: soprattutto i bambini si sporcano di continuo mentre mangiano. Ricordategli sempre il tovagliolo.

8. Dire “Grazie” e “Prego”. Le basi di ogni conversazione. L’importanza di queste parole è impossibile da sottovalutare e sono i primi segnali che identificano un maleducato.

9. Chiedere il permesso per alzarsi da tavola. I vostri figli hanno sicuramente l’impulso di alzarsi appena finito di mangiare per andare in cameretta a giocare. È comprensibile ma insegnategli a chiedere il permesso. Anche questa non è una formula vuota: serve a fargli capire che ha cenato con delle persone che erano lì con lui e gioivano della compagnia reciproca. Insomma, il rispetto del prossimo.

via Curioctopus