Un uomo di 47 anni nel Regno Unito ha ricevuto quello che potrebbe essere la migliore notizia possibile – che un caso sospetto di cancro al polmone non era affatto un cancro al polmone, ma un cono di traffico della linea di giocattoli Playmobil che ha inalato inavvertitamente.

L’uomo, fanno sapere dalla clinica specializzata, ha trascorso circa un anno per curare i sintomi di una malattia che in realtà non aveva. Tossiva spesso e produceva muco, anche dopo essersi sottoposto ad un trattamento contro la polmonite, segnalando solo un lieve miglioramento.

Quando i medici hanno effettuato i raggi X ai polmoni del paziente, hanno trovato una massa nel suo polmone destro che ha significativamente ridotto il volume dell’organo.Sembrava un tumore maligno – ma, nell’esecuzione di una broncoscopia, invece, i medici hanno trovato un oggetto anomalo alloggiato nel suo polmone e hanno rimosso con delle pinze.

L’ispezione ha rivelato che era in effetti si trattava di un cono di traffico di giocattoli di plastica. “Dopo la procedura, il paziente ha riferito di aver giocato regolarmente e ha anche ingoiato pezzi di Playmobil durante la sua infanzia” , scrive il team nel caso studio .

Ha ricordato di aver ricevuto il set Playmobil per il suo settimo compleanno e ha ipotizzato di aver aspirato il cono di traffico del giocattolo subito dopo”.

I bambini inalano i piccoli giocattoli frequentemente, ma è raro che possa passare più di una settimana senza essere diagnosticata. E’ un caso eccezionale che i sintomi siano parti dopo 40 anni e che prima di allora risultassero sostanzialmente nulli.  È possibile che, poiché il paziente fosse così giovane quando inalò il cono, le sua vie aeree fossero in grado di adattarsi attorno ad esso, assorbendolo il corpo estraneo nella fodera della mucosa. Mentre il paziente ha iniziato a fumare, i sintomi possono essere stati mascherati dai sintomi del fumo.

Quattro mesi dopo l’eliminazione dell’oggetto, la tosse persistente del paziente si era schiarita e il consolidamento del suo tessuto nel polmone era rimasto in gran parte ridotto. C’è un allargamento permanente delle vie aeree, ma questo si verifica in circa il 20 per cento dei pazienti con un corpo estraneo cronico nei loro polmoni.

“Su una nota positiva”, hanno scritto i medici , “i suoi sintomi sono migliorati notevolmente e ha finalmente ha trovato il suo cono di traffico Playmobil persino perduto nell’ultimo posto che avrebbe guardato”. La carta è stata pubblicata nella rivista Biomedical Journal Case Reports . Le immagini delle scansioni diffuse online:

via GloboChannel