La proclamazione è avvenuta ieri mattina. Lo sguardo fiero, i capelli rosa e un sorriso che da solo è in grado di comunicare più delle parole. E di parole Ilaria ne ha dette di importanti, mentre illustrava il contenuto della sua tesi (Sconfiggere il Bullismo: Il contributo dell’educazione) sulla lotta al bullismo e al cyberbullismo di cui lei stessa è stata vittima e sull’importanza dell’educazione e della scuola per eliminare questa piaga.

A mezzogiorno dell’11 luglio Ilaria, già Cavaliere al merito della Repubblica e paladina dei diritti dei disabili, si è laureata ad Arezzo presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione e della Formazione dell’Università di Siena.

“Nel suo lavoro – spiega la relatrice Loretta Fabbri – Ilaria Bidini dà indicazioni metodologiche per la scuola – ambiente privilegiato per combattere il bullismo -, raccoglie testimonianze ed elogia il principio esistenziale della lotta e della speranza invitando le vittime a non arrendersi mai. Un lavoro denso di emozioni, sentimenti e passioni”.

Ilaria è affetta da osteogenesi imperfetta e vive su una sedia a rotelle, il palcoscenico da cui osserva con occhio critico la realtà che la circonda, non sempre adatta alle persone con disabilità.

La giovane a lungo è stata vittima di bullismo ma questo, invece di scoraggiarla, l’ha spinta a lottare contro chi esercita questa forma di violenza.

Il suo sogno

La ragazza ha raccontato di avere un sogno nel cassetto: fare l’educatrice:

“Sul tema del bullismo e cyberbullismo c’è ancora molto da fare, anche dal punto di vista legislativo. Nella mia esperienza ho fatto tre denunce alla polizia postale, ma poi non ci sono stati risultati, non sappiamo chi è la persona che mi ha presa di mira pesantemente e che continua tuttora a farlo. A lui dico solo che sta sprecando le sue dita sulla tastiera”.

Foto: Ilaria Bidini

Le congratulazioni del Presidente della Repubblica

A farle le congratulazioni anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che nei mesi scorsi aveva apprezzato il suo impegno nel combattere pregiudizi sulla disabilità, contro gli stereotipi e la violenza in Rete e l’aveva insignita del titolo di Cavaliere.

Un traguardo che vale doppio. Congratulazioni dottoressa, siamo certi che diventerai un’educatrice eccellente!

Francesca Mancuso – GreenMe

Foto cover: Repubblica