Dopo tante lotte, Bea non ce l’ha più fatta. E sei mesi dopo la morte di sua mamma, Stefania Fiorentino, la piccola “bimba di pietra” di è spenta all’ospedale. Bea soffriva di una rarissima sindrome che le aveva reso rigide tutte le articolazioni. Una malattia a cui i medici non erano riusciti a trobare né risposta, né medicina. Ma lei ha sempre combattutto, con quegli occhi visti e sorridenti, l’unica parte del corpo che poteva muovere.

Papà Alessandro Naso e la madre non amavano quel nomignolo che tutta italia le aveva dato. Ma non c’era nulla di dispregiativo in quella “bimba di pietra”. Solo la speranza che, tra una crisi respiratoria e l’altra (Bea non poteva essere intubata) riuscirre a resistere. Come aveva sempre fatto, fino ad oggi. La piccola era ricoverata nel reparto di rianimazione del Regina Margherita. Sei mesi fa sua mamma era morta per un tumore. “Beatrice questa sera è volata via. In questo giorno, dedicato agli innamorati, ha deciso di correre ad abbracciare la sua mamma. Saperle insieme sarà la nostra forza”, ha scritto su Facebook Sara Forentino, la zia di Beatrice e sorella di Stefania. La storia della bambina era stata raccontata su una pagina facebook intitolata il “Mondo di Bea”. Già ieri le sue condizioni sembravano disperate. I polmoni erano stati compromessi dall’ennesima crisi respiratoria. Ora Bea si è spenta. E raggiungerà la mamma in paradiso.