Secondo Jaynia Sladek, un ornitologo dell’Australian Museum, alcuni uccelli sono mimici naturali. Quando sentono parole in ripetizione o sono circondate da un assortimento di rumori, cominceranno a raccogliere i segnali.

Poiché molte (ma non tutte) specie di uccelli percepiscono una correlazione tra idoneità genetica e capacità di imitazione, è probabile che gli uccellini “da compagnia” abbiano lanciato il loro nuovo vocabolario dopo essere stati liberati in natura. “È una parte del loro linguaggio, ha detto Sladek. Per alcune specie l’effetto sarebbe simile a quello della pubblicità negli umani: ne parlano un po’ tutti.

Gli uccelli selvatici sono in grado di imparare rapidamente dai vecchi animali domestici e, di conseguenza, iniziare a raccogliere nuove parole e suoni. I resti del linguaggio vengono spesso passati alla progenie. “Vi è motivo per cui pensare che il linguaggio possa essere tramandato“, ha spiegato Sladek all’Australian Geographic. 

Il suddetto fenomeno è stato precedentemente testimoniato con gli uccelli. Trovati a Victoria, in Australia, gli uccellini hanno la straordinaria capacità di ricreare i suoni delle seghe, degli assi e delle vecchie macchine fotografiche  – strumenti che non sono stati utilizzati nella regione da anni. Quando i migliori “cantanti” sentono il rumore delle macchine fotografiche, imparano rapidamente ad imitarne il suono. Quegli stessi rumori vengono poi insegnati alla loro prole.

via GloboChannel