di Zeina Ayache

Uno studio sostiene che i padri si sentono più legati ai loro figli se questi gli somigliano: questo li porta a trascorrere più tempo con loro e garantire ai piccoli un miglior stato di salute.

I bambini che somigliano ai loro papà, all’età di un anno sono più in salute rispetto a quelli che non gli somigliano, questo è ciò che sostengono i ricercatori della Binghamton University, State University of New York che hanno pubblicato il loro studio intitolato “If looks could heal: Child health and paternal investment” sul Journal of Health Economics.

Genitori e figli. Per giungere alle loro conclusioni, gli esperti hanno analizzato i dati raccolti da 715 famiglie in cui i bambini, nati tra il 1998 e il 2000, vivevano unicamente con la loro madre. Gli esperti hanno inoltre intervistato le mamme e i papà all’inizio dell’esperimento e solo le mamme ad un anno di distanza. In quest’ultimo caso, il motivo della scelta di sentire solo le madri è dato dal fatto che un anno dopo molti dei padri erano ‘scomparsi’ e cioè non facevano più parte della vita del bambino. I ricercatori spiegano di avere optato per famiglie di coppie non conviventi proprio perché è più difficile che i padri creino e mantengano un rapporto coi figli.

I risultati. Dai dati raccolti è emerso che avere figli somiglianti a loro portava i padri a trascorrere più tempo con i piccoli, parliamo di 2,5 giorni in più al mese di media rispetto a quelli i cui figli non erano somiglianti. “Quei padri che percepiscono una somiglianza nel figlio sono più certi che sia loro e trascorrono più tempo con loro” afferma il dr. Polachek. Tutto ciò ha implicazioni anche sullo stato di salute del bambino perché, secondo gli esperti, un padre che visita più spesso il figlio è anche più attento ai suoi bisogni economici e non.

Conclusioni. Lo studio lascia perplessi sul ruolo del padre e sul livello di egocentrismo connesso ai risultati ottenuti: può mai essere che un uomo si possa sentire davvero più o meno legato al proprio figlio in relazione alla somiglianza? A quanto pare sì.

Fonte: fanpage.it

via Informare per Resistere