Quando la trentaquattrenne Diana Zepeda iniziò a sentirsi giù di corda, pensò che fosse tutto dovuto ad una gastroenterite che sarebbe passata presto, invece le cose peggiorarono.

Cominciò tutto due anni fa con una forte diarrea che lei attribuì alle lunghe ore di lavoro e al fatto che non si nutriva in modo adeguato. I sintomi continuarono ad andare e venire e, nel gennaio 2017, la donna iniziò a notare la presenza di sangue nelle feci un giorno sì e uno no.

Nonostante questo, Diana era certa che la causa del suo malessere fosse lo stress e una cattiva alimentazione. Alla fine, quando la situazione iniziò a peggiorare sempre di più, decise di andare a farsi vedere da un gastroenterologo.

NBC News / Twitter

Questa donna credeva che i suoi problemi di stomaco fossero dovuti al troppo cibo spazzatura…

Inizialmente, il dottore le somministrò degli antibiotici a causa della presenza di escherichia coli nel suo organismo, ma dato che il trattamento non fu di alcun aiuto, venne programmata una colonscopia. Sfortunatamente, non riuscì a superare la fase di preparazione perché Diana continuava a vomitare.

Il medico quindi optò per una sigmoidoscopia, ovvero una colonscopia parziale. Così si scoprì che c’era un tumore che bloccava il colon di Diana; un cancro al colon al quarto stadio che purtroppo si era già diffuso al fegato. Per combattere la malattia, parti del suo colon, la maggior parte del suo fegato, da 15 a 20 linfonodi, la sua appendice e la cistifellea dovevano essere rimosse.

Diana cominciò un breve ciclo di radiazioni per ridurre i tumori prima che i medici rimuovessero gli organi. Adesso Diana si sente ottimista riguardo alla cura, ma la più grande lezione che ha imparato è che quando qualcosa non va è di vitale importanza andare dal medico.

“Smettete di fare auto-diagnosi e per favore andate dal dottore”, ha avvertito. La sua storia ha anche ispirato molte persone a condividere lil messaggio.

Today Show / Facebook

Sarah McClure Lynch: Due settimane dopo aver compiuto 31 anni mi è stato diagnosticato un cancro al colon al quarto stadio. Grazie ai 30 trattamenti di chemio e  a diverse importanti operazioni sono in remissione.

Sfortunatamente ho anche avuto a che fare con i sintomi per molto più tempo di quello che avrei dovuto. Grazie per aver condiviso la tua storia! Ho compiuto 37 anni lo scorso ottobre! Ogni giorno è un regalo!

Today Show / Facebook

Mollie Murphy Thompson: Nel 2002 a mio fratello Ryan è stato diagnosticano un cancro del colon retto al quarto stadio, poco tempo dopo il suo venticinquesimo compleanno! Il cancro aveva già sviluppato metastasi epatiche e nei polmoni. Riuscito a sopravvivere per poco più di due anni, è morto a 27.

Il cancro del colon non è un problema che riguarda gli anziani! Se hai sintomi, fai i controlli! Se hai una storia famigliare a riguardo, fatti controllare! Non rimandare per favore!

Today Show / Facebook

 Cathy Crawfard: Mia figlia è morta all’età di 23 anni a causa di un cancro del colon-retto al quarto stadio! 2 anni prima i medici avevano pensato fosse troppo giovane per fare una colonscopia anche se gliel’avevano raccomandata al pronto soccorso a causa del suo sanguinamento rettale. Abbiamo scoperto inoltre che aveva una mutazione genetica detta FAP di cui non avevamo sentito mai parlare prima. Nessun altro in famiglia ha questa mutazione.

È abbastanza preoccupante che il tasso di tumore del colon a esordio precoce sia in aumento. Michael Sapienza, CEO del Colorectal Cancer Alliance, ha spiegato che mentre le persone con più di 50 anni hanno quattro volte più probabilità di contrarre il cancro al colon, anche le persone più giovani stanno iniziando ad esserne colpite. Ecco alcuni sintomi che richiedono la visita di un medico.

  • Cambiamenti nelle abitudini intestinali che durano più di una settimana
  • Sangue nelle feci
  • Perdita di peso
  • Crampi persistenti
  • Sudorazioni notturne

Anche è probabile che tu non abbia il cancro del colon, è sempre meglio prevenire che curare. Avrai maggiori possibilità di venire curato se la condizione viene scoperta il prima possibile.

Fonte: TODAY

via Fabiosa


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell’articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall’utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.