Una bionda con gli occhi azzurri e una struttura corporea che la faceva sembrare la perfetta risposta androgina di Lara Stone: Lauren Wasser ha avuto grandi opportunità fino a quando non ha perso le gambe a causa di un tampone. Oggi avvisa le altre di fare attenzione e di usare con cautela quei prodotti per l’igiene.

Una modella straordinaria

A 24 anni Lauren Wasser aveva tutto ciò di cui aveva bisogno dalla vita. Era figlia di due modelli e possedeva i parametri ideali per riuscire nella stessa professione: 1,80 di altezza.

Rifiutò una borsa di studio come giocatrice di basket preferendo una carriera nel settore della moda iniziata con successo quando aveva solo due mesi; per la rivista Vogue edizione italiana, accanto a sua madre. Quando non lavorava come modella, prendeva lezioni di improvvisazione a Groundings, giocava a basket per divertimento e percorreva 30 miglia al giorno in bicicletta.

Aveva un appartamento a Santa Monica e prendeva parte a stupefacenti feste a Los Angeles, almeno fino al quel fatale giorno del 2012.

Ha perso le gambe ma non la volontà

Tutto iniziò il 3 ottobre, quando Lauren disse che non si sentiva bene, che sembrava che le stesse venendo un raffreddore. Aveva anche il ciclo e corse in un negozio vicino per comprare i tamponi della sua marca preferita. Più tardi, iniziò a sentirsi molto male e dopo pochi giorni non era in grado di alzarsi dal letto. Fu portata rapidamente in ospedale con una temperatura di 40 gradi; i suoi organi interni collassarono ed ebbe un grave attacco di cuore. I medici non riuscirono a stabilizzare le sue condizioni fino a quando non fu chiamato lo specialista in malattie infettive, che immediatamente chiese: “Ha un tampone?” Il tampone era lì, e fu inviato immediatamente al laboratorio. Lì, confermarono che aveva subito uno shock tossico. Di conseguenza, a Lauren fu amputata una gamba.

Presto si riprese. La sua attività di modella divenne ancora più unica, poiché la gamba amputata era una caratteristica che attirava ancora più fan. Il suo account Instagram era in costante aumento, con decine di nuove foto che venivano postate ogni giorno. Le sue preghiere furono ascoltate e sembrava che la vita fosse tornata alla sua normalità.

Tuttavia, l’infezione ritornò. Dopo numerosi trapianti di pelle e interventi chirurgici, i medici insistettero sull’amputazione della seconda gamba. Accanto alla modella, c’era sempre la fidanzata, la fotografa Jennifer Rovero, che informava i fan sulle condizioni di salute di Lauren in tempo reale.

Campagna di avvertimento sull’uso dei tamponi

La Wasser ha chiesto al governo degli Stati Uniti di approvare una legge che obblighi le fabbriche di prodotti per l’igiene femminile a divulgare la composizione dei componenti utilizzati e informare sui possibili danni per la salute. Inoltre avverte tutte le donne di essere caute con i tamponi e di usarli con molta attenzione nel caso non ci sia altra alternativa.

David Pereiras / Shutterstock.com
ayakaphoto / Shutterstock.com

Oggi Lauren cerca di godersi la sua vita così com’è e ironizza perfino sulla situazione, chiamando i suoi piedi “i piccoletti”, e questo mette in evidenza la sua capacità di sopravvivere alle avversità. Apprezziamo molto la toccante storia della Wasser e ci auguriamo con tutto il cuore che l’ex modella non perda la sua gioia di vivere.

via Fabiosa