Un video diffuso in rete che mostra una bambina siriana di 8 anni che per deambulare si affida a un paio di protesi improvvisate, fatte con scatolette di sardine, ha conquistato il cuore degli internauti.

Come suo padre, Maya Ali Merhi è nata senza gli arti inferiori a causa di una condizione nota come “amputazione congenita”. La sua famiglia non può permettersi delle vere protesi, quindi suo padre ha deciso di fabbricarne due di ripiego.

Syria Charity / Facebook

Mohammed, il padre di Maya, un’intervista a Syria Charity ha spiegato com’è riuscito a costruire le protesi che hanno aiutato sua figlia a camminare.

Syria Charity / Facebook

L’uomo, stanco di vedere la sua bambina lottare, ha montato della plastica su due scatole di sardine, in modo da poter dare alla bimba la possibilità di camminare.

Syria Charity / Facebook

“Il mio cuore soffre quando la vedo strisciare davanti agli amici, mentre giocano e corrono”, dice Mohammed nel video.

Anche Mohammed necessita di protesi, ma il fatto che la situazione di sua figlia sia migliorata, lo ha sollevato. “È difficile, ma è meglio di niente”, ha detto.

Buona fortuna a te, Maya, e alla tua famiglia. Dio vi benedica.

Mohammed e la sua famiglia sono dovuti fuggire da Aleppo a causa dei bombardamenti e sono finiti nel campo di Idlib.

Syria Charity / Facebook

Il padre ha vissuto tante situazioni angosciose e dolorose, ma è rimasto ottimista e grato.

Maya – Maya, inschallah, tutto il meglio per te e la tua famiglia. Che Dio vi benedica.

Ha detto che la vita nel campo è abbastanza tranquilla e apprezza ciò. Ma non nasconde il suo sogno: poter un giorno camminare insieme a sua figlia.

Grazie Syria Charity per tutto ciò che fate. E grazie alla Red Crescent per aver aiutato questa bambina.

Per fortuna, padre e figlia sono molto vicini a questo sogno. Pochi giorni dopo che il video è diventato virale, la Siria Charity ha annunciato che Maya e la sua famiglia sono stati fatti evacuare verso la Turchia dalla Turkish Red Crescent.

Presumibilmente, l’organizzazione umanitaria si occuperà di tutte le esigenze di assistenza sanitaria della famiglia. Per loro il futuro sembra certamente più luminoso.

Fonte: DailymailSyria Charity / Facebook

via Fabiosa